Per igiene orale si intende la pulizia della cavità orale ed in senso più esteso tutte quelle manovre per ottenerla. La prevenzione della carie nel cavo orale significa mantenere una igiene orale domiciliare accurata, spazzolando gli elementi dentali 3 volte al giorno per un tempo lungo (3 minuti circa). Questo tuttavia non è completamente sufficiente poiché la placca batterica, sulla quale poi si forma il tartaro, si forma ogni 6 ore su un dente spazzolato perfettamente (perché estratto dal cavo orale) ed inserito in un mezzo salivare artificiale. Questo è il motivo per il quale è richiesta l’igiene professionale presso lo studio dove igieniste abilmente rimuovono depositi di tartaro sopra e sotto gengivale.
L’igiene orale può essere fatta sia manualmente che con strumenti appositi (tipo cavitron) e non raramente deve essere completata mediante la levigatura radicolare o scaling, eseguita a mano o con strumenti appositi (ultrasuoni), al fine di eliminare ogni residuo di tartaro dalla superficie dell’elemento dentale. La tecnica di spazzolamento più accreditata, seppure oramai in uso da molti anni, è quella di Bass modificata.
Nel nostro studio la prevenzione è estesa a tutte le fasce di età: dalle sigillature e fluoroterapia per i bambini, alle visite periodiche (sempre gratuite), alla igiene orale professionale degli adulti.
Nei bambini la prevenzione è rappresentata da una igiene orale domiciliare molto accurata e dall’uso di fluoro che, durante la formazione dello smalto, sostanza successivamente inerte, preserva dalla carie. Talora viene eseguita anche l’igiene orale all’internodello studio per mano dell’igienista.
Il fluoro è contenuto in varie sostanze di uso comune (e non acqua e chewing-gum) o deve essere somministrato in compresse.
Un altro modo per proteggere gli elementi dentali, da attuarsi esclusivamente all’interno dello studio professionale, è la sigillatura dei solchi.
Inoltre durante le visite si accerta anche la buona salute delle mucose orali per prevenire i tumori della bocca, purtroppo molto frequenti e poco conosciuti.
Il tumore del cavo orale è tra le prime forme tumorali più diffuse al mondo, altamente invasivo ed invalidante.
Gli studi condotti sul carcinoma orale dimostrano che se la diagnosi viene effettuata precocemente, le probabilità di essere curato con il minimo danno e senza gravi deformazioni del volto, aumentano in modo notevole.

  1. Spazzola i denti per almeno 2 minuti dopo ogni pasto. Al disotto di questo tempo è difficile eliminare completamente la placca batterica da denti e gengive. Potresti impostare un timer all’inizio dello spazzolamento che ti aiuti a non accorciare il tempo necessario.
  2. Cambia lo spazzolino spesso. Quando le setole hanno perso la loro compattezza non esercitano più una efficace azione di pulizia. Il tempo normalmente indicato è di 2 mesi ma accorciandolo un pò si aumenta la qualità dello spazzolamento.
  3. Passa lo spazzolino sui denti anteriori e posteriori allo stesso modo. In genere si tende a trascurare la parte posteriore delle arcate a vantaggio dei denti davanti. Se si mantiene questa cattiva abitudine a lungo i denti molari e le loro gengive ne risentiranno.
  4. Utilizza un dentifricio fluorato. Il fluoro esercita un azione protettiva, antisettica e remineralizzante sullo smalto dentale.
  5. Compra spazzolini con setole artificiali che hanno le punte perfettamente arrotondate. Le setole naturali hanno punte irregolari e cave, trattengono sostanze al loro interno e non hanno un azione di sfregamento ottimale come quelle artificiali.
  6. Usa preferibilmente spazzolini con setole di durezza media a meno che il tuo dentista, per motivi particolari, non ti consigli diversamente.
  7. Effettua lo spazzolamento dei denti inclinando di 45° lo spazzolino rispetto all’asse del dente e muovilo verticalmente con azione rotatoria dalla gengiva verso il dente.
  8. Spazzolando con la mano destra devi fare attenzione a non trascurare alcune zone delle arcate, ad esempio la zona interna superiore destra.
  9. Quando hai finito di spazzolare i denti passa il filo interdentale e pulisci la lingua con strumenti appositi. Quest’ultima è un’ottima abitudine per la prevenzione di carie, parodontopatie e disturbi dell’alito (alitosi).
  10. Eseguendo un corretto spazzolamento dei denti associato all’utilizzo del filo interdentale e del puliscilingua non è necessario di routine effettuare anche sciacqui con i collutori. Questi ultimi si rendono però indispensabili per la cura e la profilassi di condizioni particolari.